CALCIO/SERIE B

Spal, Joe Tacopina svela i piani del nuovo corso

20 LUGLIO
CALCIO/SERIE B

"Serie A in due anni senza pressioni. Il budget di mercato sarà consistente, Clotet è un allenatore che farà strada": così il futuro patron degli emiliani dopo la firma del preliminare di cessione.

SPORT TODAY

Prima l'intesa per il passaggio delle quote, poi la firma sul preliminare della cessione.

La Spal sta per voltare pagina, con la fine dell'era Colombarini e l'inizio di quella di Joe Tacopina.

La proprietà che, dopo la fusione con la Giacomense, ha riportato il club ferrarese in Serie A dopo 49 anni, con tanto di doppia salvezza consecutiva in massima serie, sta quindi per uscire di scena per lasciare spazio a un nuovo corso molto ambizioso.

Ad affermarlo è stato lo stesso Tacopina, che in attesa di chiudere l'operazione entro i primi giorni di agosto, ha parlato al podcast in lingua inglese 'The Calcio Corner' anticipando gli obiettivi per la prossima stagione e quelli a lungo termine

"La famiglia Colombarini ha gestito la Spal sin dal 2013 e sono stati dei veri professionisti - le parole riportate da 'Estense.com' - Nel corso della trattativa, non ci sono state sorprese e, se tutto andrà secondo i piani, a breve firmeremo il contratto. Nel nostro piano aziendale pensiamo di tornare in Serie A in due anni. Quindi non in questa stagione, ma nella prossima. Non mi aspetto di essere subito promossi, l’ho detto anche a mister Pep Clotet la scorsa settimana, quando ci siamo incontrati a Ferrara. Non ci saranno pressioni, non dobbiamo fare il passo più lungo della gamba. Abbiamo il nostro progetto da seguire, che è eccitante e ci permette di stare in B per due anni e salire. Poi, certo, mai dire mai”.

Tacopina ha poi parlato della scelta dell'allenatore: "Clotet è stata la mia prima scelta, credo che ne sentiremo parlare ad alti livelli entro i prossimi cinque anni. È un ragazzo che pensa come me e a cui piace giocare a calcio in modo verticale, moderno, molto aggressivo con giocatori giovani da far crescere. Mercato? Il budget saarà molto più alto di quello che avrebbe messo a disposizione l’attuale proprietà. Abbiamo lasciato partire molti giocatori che erano più anziani, già in squadra lo scorso anno, scesi dalla Serie A e parte di quella squadra che non è riuscita a centrare i play-off. Punteremo molto su giovani talenti ed è quello che mi entusiasma davvero di questa avventura”.

Joe Tacopina

Getty ImagesJoe Tacopina

NOTIZIE CORRELATE