CALCIO/EURO2020

La notte di Italia-Inghilterra

11 LUGLIO
CALCIO/EURO 2020

In programma domenica sera alle 21, Italia-Inghilterra è la finale della sedicesima edizione dei Campionati Europei.

MARIO COSCO

Italia

Dopo aver passeggiato con Turchia (3-0), Svizzera (3-0) e Galles (1-0), l'Italia nella fase a eliminazione diretta ha sperimentato ogni tipo di successo: ai supplementari (2-1) con l'Austria; in 90 minuti (2-1) con il Belgio; ai calci di rigore (5-3 dopo il botta e risposta Chiesa-Morata) nella semifinale con la Spagna.

Inghilterra

Dopo aver messo in riga in riga Croazia (1-0), Repubblica Ceca (1-0) e Scozia (0-0), l'Inghilterra ha cambiato ritmo: al 2-0 sulla Germania si sono aggiunti il 4-0 all'Ucraina e il 2-1 (in rimonta e dopo i tempi supplementari) nella semifinale con la Danimarca.

Altri dati

Senza sconfitte da 33 partite, l'Italia nelle 6 gare della fase finale di EURO 2020 ha realizzato 12 gol (come ai Mondiali del 1934, 1982 e 2006).

Tutto qui? Nemmeno per scherzo. Alla quarta finale (alla vittoria sulla Jugoslavia sono seguiti i ko con Francia e Spagna) europea della sua storia, l'Italia ha 5 giocatori (Chiesa, Pessina, Immobile, Insigne e Locatelli) con 2 reti all'attivo: solo la Francia (nel 2000) ha saputo fare altrettanto in un Europeo.

Titolare della miglior difesa della fase finale (prima della splendida punizione di Damsgaard, Pickford non subiva reti da 725 minuti), l'Inghilterra è imbattuta da 12 incontri, impreziositi da 10 successi e altrettanti clean sheet.

Precedenti

Il bilancio dei 27 precedenti è sull'11-8 per l'Italia, che è sotto 31-33 nel computo dei gol ma non ha mai perso con l'Inghilterra nella fase finale di un Europeo o di un Mondiale.

Pronostico

L'Inghilterra ha il vantaggio del fattore campo, può contare su una rosa di alto livello e schiera la super coppia Sterling-Kane.

L'Italia esprime un calcio a tratti spumeggiante, ha un terzetto di centrocampo (Jorginho-Verratti-Barella) clamoroso ed è più abituata dell'Inghilterra (alla seconda finale della sua storia dopo quella vinta con la Germania - sempre a Wembley - nella Coppa del Mondo del 1966) a giocare sfide importanti come quella di domenica sera.

In campo neutro avremmo scelto l'Italia, ma dato che il match si disputerà in riva al Tamigi, abbiamo optato per il pareggio (al novantesimo).

La doppia chance? Privilegia l'undici di Roberto Mancini, tecnico che a noi piace più del pur bravo Gareth Southgate.

MARIO COSCO
Roberto Mancini

Getty ImagesRoberto Mancini

NOTIZIE CORRELATE
MARIO COSCO